Scrivici ti risponderemo al più presto - online lun/ven 9.30 -18
Perigeo - Azimut Edizione Numerata...

Perigeo - Azimut Edizione Numerata Colorata Esclusivo

0194398870717
ORDINA ORA
27,99 €

Acquistando questo prodotto puoi ricevere fino a 55 punti. Il totale del tuo carrello è 55 punti può essere convertito in un voucher di: 0,28 €.

Tasse incluse

  30 giorni di tempo per restituire i prodotti

Se cambi idea non preoccuparti hai 30 giorni per restituire il prodotto

  Servizio clienti a tua disposizione

Un operatore a te dedicato pronto a seguirti in ogni tua necessità.

  Spedizioni tracciate ed assicurate

Ordina serenamente, la tua consegna sarà seguita fino a casa tua.

 

Azimut è il primo album dei Perigeo pubblicato nel 1972.C\'è stato un tempo in cui i confini fra jazz elettrico e rock sembravano labili. Fra i primi ad adoperarsi in Italia all\'inizio degli anni 70 per abbattere il muro che divideva i due generi c\'erano i Perigeo. Ispirati dalle gesta di Miles Davis e folgorati in particolare da Bitches brew, nel 1972 assemblano l\'album d\'esordio Azimut presso lo Studio D della RCA romana. è diverso da qualunque altra cosa circoli in Italia. In una formazione a cinque che comprende un pianista, un sassofonista, un chitarrista elettrico, un (contrab)bassista e un batterista, i Perigeo mirano alla creazione di una variante italiana di jazz-rock, evidentemente affratellato con quello americano, ma radicato nel nostroPaese e appetibile per il pubblico giovanile che frequenta i cosiddetti festival pop. Basterebbe il background dei musicisti per raccontare la natura ibrida della band. Il fondatore Giovanni Tommaso, da Lucca, è un contrabbassista e bassista elettrico che ha una lunga storia come leader e turnista. è spalleggiato dal pianista jazz Franco D\'Andrea del Modern Art Trio, già collaboratore di Gato Barbieri e destinato a unaluminosa carriera solita. In un primo tempo i due chiamano il batterista con esperienze beat Bruno Biriaco e con lui provano in trio. Il batterista suggerisce di coinvolgere il sassofonista soprano e alto Claudio Fasoli che ha visto suonare in un festival del jazz del 1970 al Teatro dell\'Arte di Milano. Tommaso chiama il chitarrista d\'estrazione rock Tony Sidney dopo averlo ascoltato a Firenze, impegnato in un trio modello Jimi Hendrix Experience. Grazie all\'attività di session man svolta da Tommaso all\'interno della RCA, la band firma un contratto per un disco. Composto da due brani cantati e quattro strumentali alcuni dei quali sfiorano i 10 minuti, Azimut è un viaggio in una terra immaginaria. Inizia con una sorta di canto propiziatorio avvolto in una ambientazione onirica che apre la strada a furiose improvvisazionipianistiche su un basso pulsante (Posto di non so dove). Prosegue con i clangori misteriosi di Grandangolo, che nel riff in qualche modo mette assieme rock, progressive e jazz. Finisce con la frenesia metropolitana di 36. parallelo che culmina in un picco rumoristico. In mezzo, le linee cantabili di Aspettando il nuovo giorno; la magniloquenza di Azimut, col contrabbasso suonato con l\'archetto e un riff displendente luminosità; il minuto e mezzo di Un respiro, l\'unico altro brano cantato da Tommaso. Fra parti eccitanti di Fender Rhodes, assoli di piano, sax e chitarra, dissonanze pungenti, momenti di caos e altri meditativi, la voglia di libertà del jazz viene coniugata con il senso d\'urgenza del rock in un esperimento spregiudicato che in qualche modo riflette il contesto culturale in cui opera il gruppo Come ha raccontato D\'Andrea nel libro di Arrigo Zoli Fortissimamente jazz! Incontro con Franco D\'Andrea, a Roma si respirava un\'atmosfera eccitante. Musicalmente tutto era ritenuto possibile: era assolutamente vietato avere pregiudiziali ed inibizioni. In uno stesso concerto si potevano ascoltare formazioni Dixieland e gruppi free. Questi ultimi potevano comprendere musicisti autodidatti, jazzisti, colti contemporanei in uno spirito di coesistenza del tutto pacifica. L\'approccio alla musica era di tipo spiccatamente spontaneistico, una sorta di jam session free. E poi c\'era il periodo attraversato dal jazz a livello internazionale, come ha raccontato Biriaco al sito Accordo: Il jazz cercava nuove strade espressive con l\'esigenza di liberarsi di tutto quello che, sul piano formale, era stato detto con il be-bop. C\'era il free jazz con Ornette Coleman, Don Cherry e altri importanti musicisti, più determinato nella rottura dei vecchi schemi (tempo, armonie e improvvisazione sul giro armonico) e poi negli anni 70 arrivò, quasi come naturale conseguenza.

 
Tracklist

Lato A1) Posto di non so dove Prima Parte (6:12) Perigeo2) Grandangolo (8:22) Perigeo3) Aspettando il nuovo giorno (3:55) PerigeoLato B1) Azimut Prima Parte (7:18) Perigeo2) Un respiro (1:30) Perigeo3) 36 parallelo (9:51) Perigeo

 
Etichetta Discografica
RCA RECORDS LABEL
2021-11-05
Product added to wishlist
Product added to compare.